È stato presentato oggi a Palazzo Chigi il progetto “Gruppi Sportivi Universitari”. Hanno partecipato all’incontro la Ministra dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Valeria Fedeli; il Ministro per lo Sport, Luca Lotti; il Presidente del Coni, Giovanni Malagò; il Presidente della Federazione Italiana Nuoto Paralimpico e Giunta Cip, Roberto Valori e il campione olimpico di tiro a segno, Niccolò Campriani. Si dà l’avvio ufficiale a un percorso innovativo nel nostro Paese e primo in Europa finalizzato alla cosiddetta “Dual Career”, affinché le studentesse e gli studenti-atleti possano accedere ad un’adeguata formazione accademica praticando, al contempo, attività agonistica ad alto livello. Saranno messi a disposizione di questo Protocollo circa 3 milioni di euro grazie all’impegno congiunto del Miur, del Ministro per lo Sport e del CONI.

“Lo sport contribuisce in modo significativo allo sviluppo armonico, al benessere e alla crescita psico-fisica della persona. Per questo il Governo ha deciso di avviare progetti specifici per dare il giusto sostegno al binomio studio-sport e, in particolare, alle carriere universitarie delle atlete e degli atleti di alto livello, per favorirne l’iscrizione all’università e l’acquisizione di una formazione accademica compatibile con gli impegni sportivi”, ha sottolineato la Ministra Fedeli. “Il progetto presentato oggi, il primo strutturato in questo modo in Europa, rappresenta una nuova opportunità per unire studio universitario e sport agonistico. Risponde all’esigenza di garantire a chi fa sport ad alto livello la possibilità di conseguire una laurea accedendo a un’adeguata formazione accademica, usufruendo di un sostegno economico” ha spiegato il Ministro Lotti.