Al Ministero dell’istruzione, università e ricerca sono attribuite le funzioni e i compiti spettanti allo Stato in materia di istruzione scolastica, universitaria e alta formazione artistica, musicale e coreutica, di ricerca scientifica e tecnologica.
In questi tre principali canali d’intervento, salvo ambiti di competenza riservati ad altri enti ed organismi, il Ministero svolge, inoltre, funzioni di regolazione, di supporto e di valorizzazione delle autonomie riconosciute alle istituzioni scolastiche, universitarie, afam e di ricerca.

Nell’ambito del settore dell’istruzione scolastica, l’attività è principalmente rivolta alla definizione degli ordinamenti, dei curricoli, delle indicazioni nazionali e delle linee guida, quale quadro di riferimento per la progettazione curricolare delle istituzioni scolastiche del sistema nazionale di istruzione e formazione; all’organizzazione generale dell'istruzione scolastica, stato giuridico del personale della scuola, formazione dei dirigenti scolastici, del personale docente, educativo e del personale amministrativo, tecnico e ausiliario della scuola; alla definizione di criteri e parametri per l'attuazione di interventi sociali nella scuola, degli interventi a sostegno delle aree depresse per il riequilibrio territoriale della qualità del servizio scolastico ed educativo; alla ricerca e sperimentazione delle innovazioni funzionali alle esigenze formative; al riconoscimento dei titoli di studio e delle certificazioni in ambito europeo ed internazionale ed attuazione di politiche dell'educazione comuni ai Paesi dell'Unione europea; alla definizione degli indirizzi per il Sistema Nazionale di Valutazione; all’individuazione degli obiettivi e degli standard e percorsi formativi in materia di istruzione superiore e di formazione tecnica superiore e cura dei rapporti con i sistemi formativi delle regioni; alla definizione degli indirizzi in materia di scuole paritarie e di scuole e corsi di istruzione non statale; alla cura delle attività relative all'associazionismo degli studenti e dei genitori; al diritto allo studio e servizi alle famiglie, promozione dello status dello studente, orientamento allo studio e professionale; alla cura delle relazioni internazionali, in ambito bilaterale e multilaterale, promozione dell'internazionalizzazione del sistema educativo di istruzione e di formazione.

Nel settore della Formazione Superiore il MIUR svolge compiti in materia di indirizzo, vigilanza e coordinamento, monitoraggio sulle attività, normazione generale e finanziamento di università e istituzioni di alta formazione artistica, musicale e coreutica; di programmazione degli interventi sul sistema universitario; di orientamento degli studenti universitari ex ante ed ex post e dell'alta formazione artistica, musicale e coreutica, di connessione tra il mondo dell'istruzione e quello della formazione superiore ed di sistemi di accesso, percorsi formativi, servizi di job-placement; di cura dell'armonizzazione e dell'integrazione del sistema della formazione superiore nello spazio europeo della formazione, dell'attuazione delle norme comunitarie e internazionali; di partecipazione alle attività relative all'accesso alle amministrazioni e alle professioni, al raccordo dell'istruzione superiore con l'istruzione scolastica e con la formazione professionale, tenuto anche conto dei rapporti con le Amministrazioni regionali.

Nel settore della Ricerca al MIUR sono affidati compiti di indirizzo, programmazione e coordinamento della in ambito nazionale e internazionale, inclusa la definizione del Programma nazionale per la ricerca (PNR) ed il coordinamento e monitoraggio degli obiettivi europei in materia di ricerca; di indirizzo, programmazione e coordinamento, normativa generale e finanziamento degli Enti di ricerca non strumentali e relativo monitoraggio delle attività; di integrazione tra ricerca applicata e ricerca pubblica, coordinamento della partecipazione italiana a programmi nazionali e internazionali di ricerca; di analisi, elaborazione e diffusione della normativa comunitaria e delle modalità di interazione con gli organismi comunitari e relativa assistenza alle imprese; di cooperazione scientifica in ambito nazionale, comunitario e internazionale, anche mediante specifici raccordi fra università ed enti di ricerca; di promozione e sostegno della ricerca delle imprese anche mediante l'utilizzo di specifici Fondi di agevolazione; valorizzazione delle carriere dei ricercatori, della loro autonomia e del loro accesso a specifici programmi di finanziamento nazionali e internazionali e della loro mobilità in sede internazionale; di definizione dei fabbisogni informativi, nei settori della formazione superiore e della ricerca e di progettazione delle banche dati per le anagrafi degli studenti, della ricerca, della valutazione; di promozione dell'internazionalizzazione della formazione superiore e della ricerca