Il Miur sostiene l’educazione visiva a scuola.
Le azioni sono orientate a promuovere la didattica del linguaggio cinematografico e audiovisivo in classe.
In questo modo gli studenti e i docenti acquisiscono strumenti e metodi di analisi per conoscere la grammatica delle immagini e avere la consapevolezza della natura e della specificità del loro funzionamento.

Il cinema entra nel Piano dell’offerta formativa
La realizzazione di attività di educazione all’immagine e al linguaggio cinematografico nelle scuole rientra tra gli obiettivi della legge 107 del 2015.
Con l’attuazione della legge 107, il cinema arriva sui banchi di scuola: il linguaggio cinematografico, la storia e l’estetica del cinema, la produzione di documentari, cortometraggi o mediometraggi entrano a pieno titolo nel Piano dell’offerta formativa delle scuole di ogni ordine e grado.
La legge 220 del 14 novembre 2016, “Disciplina del cinema e dell’audiovisivo”, all’articolo 27 comma 1 lettera i) prevede, inoltre, di sostenere - per un importo complessivo pari ad almeno il 3 per cento della dotazione del Fondo per il cinema e l’audiovisivo - il potenziamento delle competenze nel cinema, nelle tecniche e nei media di produzione e di diffusione delle immagini e dei suoni, nonché l’alfabetizzazione all’arte, alle tecniche e ai media di produzione e diffusione delle immagini.

Il Piano Nazionale Cinema per la Scuola: le azioni e i numeri
L’attuazione della Legge 220 del 2016 “Disciplina del cinema e dell’audiovisivo” e del Protocollo d’Intesa sottoscritto nel 2018 dal MIBACT e dal MIUR, ha dato il via al Piano Nazionale Cinema per la Scuola, che prevede:

  • la redazione delle Linee guida per la didattica del linguaggio cinematografico a scuola, un utile strumento per tutti i docenti che intendano avviare attività basate sull'uso del cinema e dell'audiovisivo in classe;
  • l’emanazione di Bandi rivolti alle scuole di ogni ordine e grado e agli operatori del settore per sostenere e promuovere lo studio e l’utilizzo del cinema e del linguaggio audiovisivo a scuola;
  • la realizzazione di una piattaforma web per le scuole, un punto di riferimento nazionale per la didattica del cinema;
  • un progetto nazionale per la formazione dei docenti;
  • e diversi strumenti e programmi operativi utili alle istituzioni scolastiche per inserire la didattica del cinema all'interno dei percorsi educativi, per sostenere le attività laboratoriali in collaborazione con i professionisti del settore, per promuovere i festival e le rassegne dedicate al mondo della scuola e tanto altro.
Il Piano ha previsto l’erogazione di oltre 37 milioni di euro in tre anni tramite l'emanazione di più bandi rivolti a enti, fondazioni, associazioni e scuole di ogni ordine e grado.
I bandi hanno visto la partecipazione di migliaia di istituzioni scolastiche, associazioni di categoria, università ed enti di ricerca, enti pubblici e privati, per un totale di 497 progetti finanziati per lo scorso anno scolastico e oltre 1000 progetti presentati per il corrente anno.

 

La piattaforma dedicata
www.cinemaperlascuola.it è la prima piattaforma web istituzionale, promossa da Miur e MiBACT, dedicata al mondo del cinema e dell’audiovisivo a scuola. Un unico grande contenitore all’interno del quale le scuole e gli operatori del settore troveranno tutte le iniziative promosse dai due Ministeri nell’ambito del Piano Nazionale Cinema per la Scuola: tutti gli strumenti didattici, le opportunità, i Bandi di Concorso, le opere filmiche consigliate per le scuole, i supporti didattici, i materiali audio-video, i learning object, i corsi di formazione e ogni altro strumento utile per avviare i percorsi di educazione visiva a scuola.

- Piattaforma Cips – Cinema per la scuola
- I bandi
- Protocollo d’intesa MIUR - MiBACT
- MiBACT - Direzione generale cinema e audiovisivo