Direttori e Presidenti di Istituzioni Afam
Personale dipendente delle Istituzioni Afam
LORO SEDI – Trasmissione via peo

Oggetto: pubblicazione codici disciplinari personale amministrativo, tecnico e docente delle Istituzioni Afam.

Con la presente si comunica che, in ossequio a quanto statuito dagli articoli 13, comma 11, e 101, comma 11, del CCNL del comparto Istruzione e Ricerca, sottoscritto il 19 aprile 2018, viene disposta la pubblicazione, sul sito internet http://www.miur.gov.it, dei codici disciplinari citati in oggetto (All.1 e All.2) e con l’occasione si invitano codeste Istituzioni ad effettuare analogo adempimento sui propri siti istituzionali.
Tutto il personale dipendente è altresì invitato a prendere visione del nuovo ccnl sul sito www.aranagenzia.it.
Con riferimento agli obblighi ed alla responsabilità disciplinare del personale tecnico ed amministrativo delle istituzioni Afam, si segnalano in particolare:

  1. L’obbligo di rispettare l’orario di lavoro e adempiere alle formalità previste per la rilevazione delle presenze; non assentarsi dal luogo di lavoro senza l’autorizzazione del dirigente o del responsabile; (art. 11, comma 3, lett. e);
  2. l’obbligo di non introdurre, salve le debite autorizzazioni, persone estranee all’amministrazione in locali non aperti al pubblico (art. 11, comma 3, lett. m) ;
  3. l’obbligo di comunicare all’amministrazione la propria residenza e, ove non coincidente, la dimora temporanea, nonché ogni successivo mutamento delle stesse (art.11, comma 3, lett. n.);
  4. l’obbligo di dare tempestivo avviso all’ufficio di appartenenza in caso di malattia (art. 11, comma 3, lett. 0);
  5. l’obbligo di comunicare all’amministrazione la sussistenza di provvedimenti di rinvio a giudizio in procedimenti penali (art. 11, comma 3, lett. q).

Con riferimento agli obblighi del personale docente si segnala quanto statuito dall’articolo 100, comma 1 ed in particolare le disposizioni di cui alle lettere:
d) rispettare l’orario di lavoro e adempiere alle formalità previste per la rilevazione delle presenze e adempiere ai doveri connessi all’attività di insegnamento e a quelle funzionali all’insegnamento;
e) durante l’orario di lavoro, mantenere nei rapporti interpersonali e con gli utenti una condotta uniformata non solo a principi generali di correttezza ma, altresì, all’esigenza di coerenza con le specifiche finalità educative dell’intera comunità accademica, astenendosi da comportamenti lesivi della dignità degli altri dipendenti, degli utenti e degli alunni;
f) mantenere una condotta coerente con le finalità educative della comunità accademica nei rapporti con le famiglie, con gli studenti e con le studentesse;
g) limitare l’interazione a mezzo dei canali sociali informatici con gli studenti e con le studentesse alle sole informazioni di servizio e alle interazioni necessarie per lo svolgimento della funzione di educazione, di istruzione e di orientamento;
h) rispettare i doveri di vigilanza nei confronti degli allievi, degli studenti e delle studentesse, ferme restando le disposizioni impartite;
i) tenere i registri e le altre forme di documentazione previste da specifiche disposizioni vigenti per ciascun profilo professionale;
j) adempiere agli obblighi correlati all’espletamento delle proprie funzioni e delle attività didattiche, anche assicurando la propria partecipazione alle riunioni degli organi delle istituzioni e delle strutture didattiche di cui lo stesso fa parte;
k) garantire la partecipazione ai lavori delle commissioni di esame e di concorso di cui sia stato nominato componente.
Si fa infine presente che, ai sensi dell’art. 12, comma 5, del suddetto CCNL, non può tenersi conto, ad alcun effetto, delle sanzioni disciplinari decorsi due anni dalla loro irrogazione, fatto salvo quanto previsto dall’art.101, comma 8, ultimo capoverso, della Sezione Afam.

 Il Direttore Generale
Dott. Daniele Livon