Il Ministero contribuisce annualmente al sostegno finanziario delle Istituzioni AFAM, attraverso diverse linee di finanziamento:

  • il contributo per il funzionamento e per le attività didattiche;
  • il fondo per il miglioramento dell'offerta formativa;
  • le risorse per le supplenze e per le collaborazioni didattiche;
  • le risorse per l'acquisto di attrezzature e investimenti in conto capitale per l'edilizia.

Destinazione dei finanziamenti. Le risorse assegnate dal Ministero ai Conservatori, alle Accademie Statali, agli ISIA, alle cinque Accademie di belle arti non statali e ai 18 Istituti musicali pareggiati sono prevalentemente destinate al funzionamento. Esse confluiscono, a seconda dei vari vincoli di destinazione, nei bilanci delle singole Istituzioni. Annualmente, il Ministro assegna con proprio Decreto le risorse a ciascuna Istituzione.

Edilizia AFAM. Per la parte edilizia, va sottolineato che sono disponibili importanti risorse da destinare a copertura delle rate di ammortamento di mutui trentennali direttamente a carico dello Stato, in base a quanto previsto dal comma 2 bis e 2 ter dell'articolo 10 del Decreto Legge 104 del 2013, convertito nella Legge 128 del 2013. Tale misura prevede una disponibilità annua pari a quattro milioni di euro. Le relative modalità di attuazione della procedura sono in corso di definizione d'intesa con il Ministero dell'Economia e delle Finanze.

In aggiunta a tali strumenti il Ministero può contribuire a piccoli interventi di edilizia e di acquisizione di attrezzature didattiche e strumentali secondo modalità, criteri e parametri definiti con decreto annuale del Ministro.

Normativa:

Elenco istituzioni AFAM riconosciute