EMBL - European Molecular Biology Laboratory Heidelberg

(Laboratorio Europeo di Biologia Molecolare)  

Stati  membri: 22 - l’Italia è parte dal 1976, quale paese fondatore.

Contributo Miur 2016: € 12.972.757.00  

L’Italia è il 4° paese  contributore del Centro e versa un contributo pari a circa il 12,9% del totale del bilancio.

L’Accordo per la fondazione del Laboratorio è stato firmato a Ginevra il 10 maggio 1973  ed è stato  ratificato con la  legge 427 del 19 maggio 1976.

Missione

Il Laboratorio EMBL punta a favorire lo sviluppo della biologia molecolare in Europa e a rendere l’Europa stessa un centro di eccellenza in questo settore, sia per i propri ricercatori, sia per i ricercatori stranieri. L’attività primaria, nell’ambito della ricerca di base, è la comprensione dei fenomeni fondamentali dei processi biologici negli organismi viventi.

Il Laboratorio, per realizzare gli obiettivi prefissati, persegue lo sviluppo delle cinque missioni prioritarie:

  • ricerca di base nella biologia molecolare

  • tecnologia e strumentazione

  • strutture e servizi

  • insegnamento e formazione

  • trasferimento della tecnologia.

Organizzazione

Il Direttore generale è Jain Mattai dall’anno 2005.

Un delegato del Miur e un rappresentante del Mef partecipano ai lavori del Consiglio e del Comitato finanziario. Un altro organo collegiale è il Comitato scientifico consultivo.

Altre sedi sono ad Amburgo (Germania) , Grenoble (Francia), Hinxton (Regno Unito) e  Monterotondo (Italia).

Il Laboratorio in Italia si è insediato nel campus “Adriano Buzzati-Traverso” del CNR, a Monterotondo, a seguito di un Accordo con la Repubblica Italiana.