Nell’ambito del sistema della formazione superiore, il MIUR può riconoscere l’attività di altre istituzioni che, pur non essendo autorizzate al rilascio di titoli di studio, svolgono per il sistema un importante ruolo in termini di collaborazione e supporto ai servizi di formazione e ricerca che si svolgono nelle Università. Si tratta sia di soggetti  già istituti dalla legge, sia di organi che nascono dalla sviluppo di accordi e collaborazioni tra le Istituzioni riconosciute dal Ministero.

Tra i principali soggetti riconosciuti dal Ministero e che operano a favore del sistema universitario o delle singole Università, si collocano principalmente i Consorzi interuniversitari, che possono altresì beneficiare di finanziamenti ministeriali, sia le Fondazioni universitarie.

CINECA. Il principale Consorzio di riferimento del Ministero è il Consorzio Interuniversitario CINECA (anno di fondazione 1969) che è partecipato dal MIUR, da 70 Università statali e 8 Enti Pubblici di Ricerca. Il CINECA, in qualità di soggetto in house del MIUR, svolge un ruolo di fondamentale importanza per l’organizzazione dei servizi offerti dal MIUR al sistema universitario e della ricerca nella gestione e sviluppo delle banche dati ministeriali a supporto delle procedure nazionali di valutazione e, attraverso il supercalcolo, alle attività dei ricercatori.

AlmaLaurea. Altro importante Consorzio è il Consorzio AlmaLaurea (anno di fondazione 1994) che è responsabile delle indagini annuali relative al profilo dei laureati e degli sbocchi occupazionali. Ad AlmaLaurea partecipano complessivamente 74 Università e le sue indagini rappresentano ormai circa il 90% dei laureati italiani.

GARR. Il Consortium GARR rappresenta la rete nazionale a banda ultralarga dedicata alla comunità dell’istruzione e della ricerca con l’obiettivo di fornire connettività ad alte prestazioni per le attività quotidiane di docenti, ricercatori e studenti e per la collaborazione a livello internazionale. Il Consortium GARR è un’associazione senza fini di lucro fondata dal CNR, ENEA, INFN e Fondazione CRUI, in rappresentanza di tutte le università italiane, sotto l’egida del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.