Docenti e dirigenti scolastici hanno la possibilità di prestare servizio, in posizione di fuori ruolo, presso l’Amministrazione centrale e periferica (legge 448 del 23 dicembre 1998 articolo 26, comma 8).

Tale personale svolge compiti connessi con l’attuazione dell’autonomia scolastica.

La durata massima di collocamento fuori ruolo è fissata, di norma, in due anni scolastici.

Con circolare ministeriale si determina il contingente dei posti e la loro ripartizione tra l’Amministrazione centrale e gli Uffici Scolastici Regionali.

Successivamente i Capi Dipartimento stabiliscono la ripartizione dei posti tra le Direzione generali.

I Dipartimenti e le Direzioni Generali provvedono a emanare il bando per la selezione, nominano la commissione, e formulano la graduatoria finale.