A conclusione del primo triennio dall'entrata in vigore del Decreto ministeriale 45 del 2013 e dall'applicazione delle precedenti linee guida del 2014, si è ritenuto opportuno ridefinire indicatori e parametri, per i requisiti generali per  l'accreditamento e la conseguente attivazione dei corsi di dottorato.
Tale revisione tiene presenti i principi dell'UE sulla formazione per il dottorato, è volta a favorire iniziative di Dottorati Innovativi, ed è stata semplificata e adeguata nell'ottica di rendere più lineare la procedura, ponendo l'attenzione sugli aspetti qualificanti del processo di accreditamento e tenendo conto della fattibilità gestionale delle operazioni richieste, nel rispetto dell'autonomia universitaria e degli enti di ricerca.