Big data, machine learning, infrastrutture di ricerca, accesso e gestione dei dati scientifici, open science data: questi i temi principali della Conferenza GARR che si svolgerà a Venezia dal 15 al 17 novembre 2017.

La Conferenza, organizzata dalla rete dell’istruzione e della ricerca GARR, è l’abituale appuntamento con l’innovazione tecnologica per condividere esperienze e riflessioni sull’utilizzo della rete come strumento di ricerca, formazione e cultura, attraverso discipline e contesti diversi.
L’edizione di quest’anno s’intitola The data way to Sciencee si terrà presso l’Auditorium Santa Margherita dell’Università Ca’ Foscari.

Il focus sarà sui dati della ricerca: un bene prezioso che sempre di più costituisce il vero valore del lavoro scientifico e che, nelle varie sfaccettature e declinazioni, è presente in tutte le discipline con requisiti comuni, peculiarità proprie e necessità emergenti.
Il programma si propone di approfondire i vari aspetti della vita del dato: produzione, archiviazione, gestione, diffusione, riuso, sicurezza, interoperabilità attraverso la presentazione di casi di successo e buone pratiche e la discussione di strategie comuni nell’ambito delle infrastrutture di ricerca nazionali e internazionali.

L'evento sarà aperto da un panel internazionale: “From research e-infrastructure towards Open Science and Next Generation Internet” con la partecipazione di Jean Luc Dorel (Commissione Europea, DG CNECT), Giorgio Rossi (Chairman ESFRI), Silvana Muscella (High-Level Expert Group EOSC).

Nel pomeriggio del 15 novembre è in programma una tavola rotonda “Verso una strategia nazionale per le infrastrutture di ricerca” che, in maniera trasversale, coinvolge tutto il mondo della ricerca italiano con la partecipazione di Luciano Catani (Ministero dell’Istruzione e della Ricerca), Giovanni Leonardi (Ministero della Salute - DG Ricerca e Innovazione), Francesco Scoppola (Mibact - DG Educazione e Ricerca ), Ida Marandola (Direttore Generale CREA), Giorgio Rossi (ESFRI), Maria Cristina Messa (Rettrice Università degli Studi di Milano-Bicocca), Paola Inverardi (Rettrice Università degli Studi dell'Aquila) e Antonio Zoccoli (Vice Presidente INFN).

Sono sette i keynote speaker di rilievo internazionale che apriranno le sessioni dei giorni successivi:
Fosca Giannotti (CNR), Roberta Turra (CINECA), Enrico Capobianco (University of Miami), Paolo Budroni (University of Vienna), Giuseppina Fabbiano (IVOA, International Virtual Observatory Alliance), Rutger Vos (Naturalis Biodiversity Center), Cesare Furlanello (FBK,Fondazione Bruno Kessler).

Completano il programma gli interventi della comunità accademica e scientifica che in questa edizione sono particolarmente numerosi. Sono infatti rappresentati 40 diverse organizzazioni (17 università, 7 enti di ricerca, 7 enti di ricerca biomedica come IRCCS, IZS e Istituto Superiore di Sanità, enti della PA e startup innovative che collaborano con il mondo della ricerca).

La conferenza sarà trasmessa anche in streaming.
Maggiori informazioni sul sito dell’evento: www.garr.it/conf17
Per partecipare è necessario registrarsi: https://www.eventi.garr.it/it/conf17/registrazioni

Segui la conferenza sui social: #confgarr17
Twitter e Facebook: @ReteGARR
Youtube: GARRTV